L’Europa che sa ridere : “Kebab connection” di Anno Saul (Germania, 2005)

Ambientato ad Amburgo, in una Germania multietnica, il film racconta la storia di due ragazzi, Ibo e Tisti, al ritmo di kung fu, Shakespeare, musica turca e sirtaki, sottolineando, con una ironia leggera e al tempo stesso mordace, pregiudizi ed incomprensioni che persistono oggigiorno fra la comunità tedesca, turca e greca.
Ibo è un ragazzo turco amante delle arti marziali, che coltiva la passione per il cinema. Quando lo zio gli chiede di girare uno spot pubblicitario per il suo ristorante, Ibo riesce a realizzare il suo desiderio: il risultato è un piccolo capolavoro che riesce ad attrarre nel locale moltissimi curiosi. Tutto sembra andare per il meglio fino a quando Tisti, la sua ragazza tedesca gli annuncia di aspettare un figlio. La rivelazione sconvolge gli equilibri della vita di Ibo che verrà cacciato di casa dal padre per aver messo incinta una ragazza tedesca e verrà lasciato Tisti per essersi dimostrato incapace di fronteggiare la decisione paterna.
I ripetuti rifiuti di lei, le paure e le incertezze di lui, i pregiudizi dichiarati o latenti delle due comunità – «si può uscire con una ragazza tedesca, ma non si può metterla incinta», il continuo gioco dei ruoli maschile e femminile all’interno della coppia e della società non impediscono però che la storia dei due ragazzi abbia un inaspettato lieto fine: Tisti, tenace e determinata, all’ultimo mese di gravidanza, supera l’esame di recitazione, mentre Ibo ottiene il perdono di Tisti dopo la nascita di una splendida bambina. Ed è così che, nella festa finale, al ritmo di darbuka, al contrario dei Capuleti e dei Montecchi, le famiglie si riconciliano ancor prima degli innamorati protagonisti.

Immagine

Edoardo Forieri, Gabriele Lombardini
Istituto Tecnico Statale V. A. Ruiz

Annunci

L’Europa che sa ridere : “Poligamia” di Orosz Dénes (Ungheria, 2009)

Al giorno d’oggi, l’Europa è afflitta da molti problemi, in primis quello del confronto con l’idea della multiculturalità, ormai non più procrastinabile. Il nostro continente ha una storia millenaria di guerre e di migrazioni, che hanno già fatto incontrare molte culture tra loro differenti.
Grazie alla globalizzazione, però, ora le situazioni di convivenza sono sempre più diffuse, soprattutto nella vita quotidiana. In questi giorni l’Eunic (l’Associazione degli Istituti di Cultura dell’Unione Europea) presenta, in collaborazione con il Teatro di Roma e con la Casa del Cinema, L’Europa che ride. Il progetto consiste in una rassegna cinematografica di otto commedie, ognuna delle quali ha una produzione e un cast di nazionalità differenti che raccontano i problemi quotidiani del confronto tra culture, mostrando come vengono vissuti nei vari stati europei..
La rassegna ha avuto inizio il 10 gennaio 2014 con la proiezione di Poligamia, film del 2009 scritto e diretto da Orosz Dénes, giovane regista della commedia ungherese. La commedia racconta di una coppia di giovani innamorati (Andràs e Lila), che decidono di andare a vivere insieme. Lila desidera avere una famiglia, ma il suo compagno non si sente ancora pronto ad assumersi questa responsabilità. Quattro settimane dopo il trasloco, Andràs riceve la grande notizia: sta per diventare padre. L’avvenimento lo sconvolge e, a partire dalla mattina seguente, inizierà a vedere Lila come una donna diversa, che ogni giorno cambia volto e personalità.
Se nel corso dei nove mesi di gravidanza Andràs accetta questa situazione come un divertimento piuttosto che come un problema, il giorno del parto capirà finalmente di essere pronto ad avere una famiglia con Lila, la donna della sua vita. Poligamia ha lo scopo di far capire a tutti i futuri papà che, nonostante crescere un figlio sia molto impegnativo, è una sfida che vale la pena affrontare, in quanto le soddisfazioni nel veder crescere il proprio figlio ripagano qualsiasi sacrificio.

Immagine

Andrea Lazzari
Istituto d’Istruzione Superiore L. B. Alberti